Categorie
Sicurezza sul lavoro

Chi è il RLS e quali sono le sue mansioni in azienda?

Tra le molte importanti innovazioni del D.Lgs. 81/2008, in merito a salute e sicurezza sul posto di lavoro, c’è quella di aver introdotto la figura del RLS per dare un ulteriore supporto ai lavoratori.

Chi è il RLS?

Con questa sigla viene designato il Rappresentante dei lavoratori sulla Sicurezza (RLS). Secondo la definizione dell’art.2 del D.Lgs. 81/2008, è la “persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per quanto concerne gli aspetti della salute e della sicurezza durante il lavoro”.

Quindi si tratta di una figura di controllo per il rispetto delle norme e delle procedure sulla sicurezza in azienda.

Da chi viene nominato?

La figura del responsabile è obbligatoria per tutte le aziende ma a seconda delle dimensioni della stessa le sue modalità di nomina e il numero degli incaricati può variare.

Per le unità produttive o le aziende fino a 15 dipendenti, il RLS è eletto dai dipendenti tra di loro.

Invece, nelle aziende che contano più di 15 dipendenti, il rappresentante è sempre eletto dai lavoratori, ma nell’ambito della rappresentanza sindacale.

La norma stabilisce anche la modalità di elezione: se non c’è una decisione in occasione della contrattazione collettiva, l’elezione avviene nella Giornata Nazionale per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro (28 Aprile).

La carica dura 3 anni e possono essere eletti tutti i lavoratori, tranne gli apprendisti o i lavoratori in prova o assunti a temo determinato. La comunicazione della nomina nei confronti dell’Inail e dei lavoratori è obbligatoria a norma di legge e effettuata annualmente.

Come accennato anche io numero dei RLS può variare. Per le aziende fino a 200 dipendenti, è prevista l’elezione di un unico rappresentante. Saranno 3 i rappresentanti eletti per le aziende fino a 1000 dipendenti. Per le unità produttive da più di 1000 dipendenti vengono eletti fino a 6 RLS.

RLST e RLSSP

Altre figure importanti di riferimento per i dipendenti sono il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza territoriale (RLST) e il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza del sito produttivo (RLSP).

Il RLST ha gli stessi compiti del RLS ma agisce su più aziende che operano in un medesimo territorio.

Il RLSP invece offre la sua consulenza per aziende o cantieri che operano nello stesso contesto, come negli impianti siderurgici.

In mancanza di un RLS possono le sue funzioni possono essere prese in carico dalle queste due figure.

Quali sono i compiti del RLS?

Come anticipato la funzione del rappresentante è di controllare il rispetto delle norme sulla sicurezza in azienda. L’esercizio delle sue funzioni dovrebbe avere luogo fisicamente presso la sede di lavoro in quanto fondamentale punto di contatto tra datore di lavoro e dipendenti.

RLS esercita le sue funzioni attraverso quattro azioni fondamentali:

  • Conoscitiva (informazione e formazione)
  • Consultiva (consultazione preventiva)
  • Partecipativa (partecipazione alle riunioni ed alle varie fasi di prevenzione)
  • Attiva (propone, richiede, segnala, ricorre, ecc.)

I suoi compiti sono stabiliti dall’Art.50 del Testo Unico sulla sicurezza e consistono in:

  • accedere ai luoghi di lavoro per controllare le condizioni di rischio dell’azienda;
  • fornire la sua consulenza sulla valutazione dei rischi e individuare, programmare e verificare i sistemi di prevenzione;
  • promuovere le attività di prevenzione dei rischi presso i colleghi di lavoro;
  • comunicare al datore di lavoro e agli organi competenti eventuali pericoli riscontrati;
  • raccogliere le segnalazioni provenienti dai lavoratori;
  • elabora le informazioni ricevute dai servizi di vigilanza;
  • partecipa alla nomina dell’addetto al primo soccorso, di quello antincendio e del medico competente;
  • partecipa alla stesura del piano di evacuazione.

Ricordiamo che la sua figura non è compatibile con quella del RSPP e i due ruoli devono essere ricoperti da persone diverse.

Come avviene la formazione del RLS

A seguito della sua elezione il RLS dovrà frequentare un corso di formazione particolare. La durata del corso è di 32 ore, 12 delle quali sono dedicate ai rischi specifici (e le misure di protezione relative) della sua attività.

Gli aggiornamenti al corso di formazione per RLS si svolgono annualmente e sono obbligatori.

Le spese di formazione e aggiornamento per il rappresentante dei lavoratori saranno a carico del datore di lavoro.